Bianconiglio e Gegeniglia
   I VIAGGI E LE GITE DI DUE MOTOTURISTI

Indietro
HomePage
  SPIGOLATURE SULLA FOTOGRAFIA PANORAMICA         

COMPOSIZIONE VERTICALE

Scordatevi il risultato qui a fianco, a meno che abbiate corpo macchina e obiettivo raccordati dallo snodo a soffietto, o se il grattacielo Ŕ "abbastanza" lontano in modo che la visione prospettica (linee di vista convergenti) diventi "quasi" una visione assonometrica (linee di vista parallele).
La distorsione dell'immagine Ŕ inevitabile con una fotocamera compatta: la si pu˛ minimizzare se si riprende il soggetto da metÓ altezza (dal grattacielo di fronte) in modo che la foto al centro sia a piano pellicola verticale e quelle sopra e sotto inclinate in senso opposto, il risultato sarÓ una distorsione "a ventaglio", ma se riprendete il soggetto dal piano stradale, per puntare in alto dovrete inclinare sempre pi¨ la macchina e l'effetto prospettico si esalterÓ ad ogni aumento dell'inclinazione: il risultato sarÓ una distorsione "a cono", il palazzo si farÓ sempre pi¨ sottile man mano che si sale... Ŕ anche intuitivo, no?
Anche qui occorre sovrapporre parte di ogni fotogramma al successivo e il programma "panorama assistito" ci aiuta a trovare la corretta inclinazione per il miglior raccordo delle immagini. Si incontra per˛ un'altra problematica: il programma "panorama assistito" blocca l'esposizione sul primo fotogramma, per cui se siamo in esterno giorno e si inizia a scattare dal basso verso l'alto, tipicamente le immagini successive saranno sovraesposte per la maggiore luminositÓ del cielo, e se si scatta dall'alto verso il basso le ultime foto saranno sottoesposte. Ci sono due strade per ovviare a questo inconveniente: la prima Ŕ scattare due sequenze dello stesso soggetto, una dall'alto verso il basso e l'altra dal basso verso l'alto cercando di mantenere le medesime inquadrature, e poi comporre la panoramica con le foto dalla luminositÓ pi¨ simile, la seconda Ŕ quella di non usare il "panorama assistito" ma scattare singole foto cercando dei buoni punti di riferimento per sovrapporre correttamente le immagini "a occhio" e non bloccare l'esposizione ed il bilanciamento del bianco a valori fissi: paradossalmente lasciare l'esposizione automatica porta a buoni risultat, perchŔ il sw di composizione compensa le differenze di luminositÓ e contrasto.

Queste due immagini mostrano un angolo di un cortile interno del Palais des Papes ad Avignon (F): l'immagine a sinistra Ŕ la composizione di tre fotografie scattate dal piano corrispondente alle bifore: si nota la deformazione "a ventaglio" delle foto verso il cielo e verso il cortile che il software ha generato per raccordare le immagini estreme a quella centrale, che invece Ŕ inquadrata correttamente; l'immagine a destra Ŕ il ritaglio di quella a sinistra, ottenuta eliminando le "ali" del ventaglio e parte del prato. Per non tagliare lo spigolo della torre Ŕ stato ricostruito, negli angoli bianchi, un po' di cielo con la funzione "clone" di un ottimo, anche se vecchiotto, shareware: Jasc Paint Shop Pro 4 (ormai entrato nell'orbita di Corel con la sua evoluzione Paint Shop Photo X3). Grazie alla giornata di sole ed alla luminositÓ delle pareti in marmo, non sono apprezzabili differenze di esposizione tra il piano terra ed il coronamento della torre.

Composizione a mosaico
 


Questo sito ha carattere esclusivamente amatoriale, non si intende infrangere alcun copyright.
Tutti i marchi citati nel sito possono essere registrati dai rispettivi proprietari.
Sito ottimizzato per una risoluzione orizzontale di 1024 pixel

Contatore delle visite dal 29/12/2009 al 26/11/2016 (vecchio hosting Digilander)


Contatore e statistiche dal 27/11/2016 (nuovo hosting XOOM)