Bianconiglio e Gegeniglia
   I VIAGGI E LE GITE DI DUE MOTOTURISTI

Indietro
Itinerari
HomePage
  FRANCIA 2009: LOZERE, VERCORS E MONT-BLANC         

1 agosto: il Mont Aigoual e l'Abme de Bramabiau

2 agosto: il Cirque de Navacelles e il viadotto di Millau >>>

Dopo due giorni di viaggio abbastanza intensi, il primo vero giorno di vacanza di relativo riposo, perch la voglia di esplorare grande ora che siamo a destinazione. La mattina, dopo un'abbondante colazione ci sistemiamo nella nostra camera definitiva, dalla quale basta uscire per essere nella piccola piscina e, siccome l'hotel poco frequentato, come avere la piscina privata. Partiamo quindi per il primo giretto in tutto relax, le nostre destinazioni sono l'Abme de Bramabiau e l'Osservatorio Meteorologico di Mont Aigoual.

Lunghezza: 57 km (solo?)
Inizio e fine itinerario
: Meyrueis
Tappe intermedie:
Abme de Bramabiau, Mont Aigoual
Cartografia
: carta regionale Michelin 1:200.000 n526

1-2: Tutte le strade intorno a Meyrueis (1) sono "bordate di verde", sulla cartina: oltre che nelle Causses, ci troviamo nel pieno del Parc National des Cvennes. Percorriamo in scioltezza i primi 17 km della D986 che ci separano dalla prima tappa, il sito dell'Abme de Bramabiau (2): il ruscello Bonheur, nel suo corso sull'altipiano trova una zona carsica e viene inghiottito, scavando sotto l'altipiano un labirinto di grotte fino ad uscire sul fianco della parete di una profonda forra formando una grande spaccatura nella roccia. Da qui prendo il nome di Bramabiau ("Il toro che muggisce") a causa del fragore di una cascata ipogea alta dieci metri. Dalla strada si vede molto bene la spaccatura, e attraverso un sentiero nel bosco si arriva in 15 minuti al punto di visita da cui parte un percorso ad anello che entra nella grotta e ne esce da un accesso secondario, riportandoci al parcheggio.

2-3: Ci dirigiamo verso Mont Aigoual valicando il Col de la Sereyrde 1299m, ma all'ultimo incrocio dobbiamo attendere, una pattuglia della protezione civile vigila sulla strada e di l a pochi minuti, rombando, un elicottero atterra proprio accanto a noi... chiediamo informazioni e veniamo avvisati che si tratta di un'esercitazione, in meno di venti minuti la strada verr riaperta al traffico. Giungiamo quindi all'Osservatorio Meteorologico di Mont Aigoual (3), una vera e propria fortezza contro le intemperie essendo collocato in uno dei "luoghi estremi" di Francia, climaticamente parlando: qui normale che il vento soffi a 150 km/h o che cadano sei metri di neve, anche se siamo solo a 1567 m, a causa dell'incontro tra l'aria mediterranea che arriva da sud e quella atlantica da nord-ovest. Le condizioni estreme citate da Wikipedia sono poi da record... Nell'Osservatorio sito un museo della meteorologia (che visitiamo) con mostra di strumenti antichi e moderni per il rilevamento delle grandezze climatologiche.

3-4: dopo la visita dell'Osservatorio procediamo sulla D18, molto guidabile, per rientrare a Meyrueis (4)... oggi stata proprio una passeggiatina  :-D

FRANCIA 2009: LOZERE, VERCORS E MONT-BLANC

2 agosto: il Cirque de Navacelles e il viadotto di Millau >>>


Questo sito ha carattere esclusivamente amatoriale, non si intende infrangere alcun copyright.
Tutti i marchi citati nel sito possono essere registrati dai rispettivi proprietari.
Sito ottimizzato per una risoluzione orizzontale di 1024 pixel

Contatore delle visite dal 29/12/2009 al 26/11/2016 (vecchio hosting Digilander)


Contatore e statistiche dal 27/11/2016 (nuovo hosting XOOM)